Il Parelli Natural Horsemanship (PNH) permette agli appassionati di cavalli, a qualsiasi livello e di qualsiasi disciplina, di ottenere i risultati desiderati senza l’uso della forza, la partnership con il cavallo senza la dominanza, il lavoro di squadra senza la paura, la sua disponibilità senza l’intimidazione, l’armonia insieme senza la coercizione. 

 

Fondato nel 1981 da Pat Parelli, horseman e insegnante da sempre, il PNH utilizza principi di psicologia pratica e comunicazione; ma diversamente dalla maggior parte dei programmi di addestramento, il metodo è rivolto alle persone, non ai cavalli.


Il metodo “riguarda profondamente la crescita personale”, dice Linda. “Si impara a capire meglio se stessi, si affrontano temi come la comunicazione, la verità, le conseguenze, la responsabilità, l’amore e l’immaginazione. Il cavallo diventa l’animale che vi dice la verità su voi stessi su tutti questi argomenti.”


Il PNH si pone come obiettivo quello di migliorare la vita di cavalli e uomini migliorandone la relazione, propugnando la visione del cavallo come partner piuttosto che come semplice strumento; infatti si avvale di tecniche ma principalmente vuole sviluppare negli studenti la capacità di comprendere meglio i cavalli (e immancabilmente loro stessi).

I proprietari di cavalli che seguono il PNH hanno scoperto che il dono più grande che hanno ricevuto nel farlo è che il metodo migliora non solo la relazione e la comunicazione con il loro cavallo, ma anche tutti gli altri aspetti relazionali della loro vita.


“Le persone si rendono conto che tutto questo è ciò che hanno sempre cercato in tutte le loro relazioni”, dice Pat, “un equilibrio di Amore, Linguaggio e Leadership in dosi uguali. Il programma e il cavallo stesso forniscono loro un modello vivente in modo che possano fare pratica e diventare abili in tutte le loro relazioni, non sono in quelle con il cavallo”.

 



"Bastano due giorni per imparare cos'è il Parelli Natural Horsemanship; ma ci vuole una vita intera per padroneggiarlo (...) Ecco perchè si chiama horse-man-ship: cavallo (horse) e umano (man) su un'imbarcazione (ship), che intraprendono insieme un viaggio"  (Pat Parelli)

Scrivi commento

Commenti: 0